Come realizzare un consolidamento ad alto spessore

Il consolidamento delle murature con i sistemi compositi a matrice inorganica sono comunemente indicati come sistemi di rinforzo strutturale FRCM (Fiber Reinforced Cementitious Matrix) e SRG (Steel Reinforced Grout). Tali sistemi possono essere utili nel caso di murature gravemente danneggiate e incoerenti.

I requisiti principali di questi sistemi sono i seguenti: compatibilità chimico/fisica tra i prodotti utilizzati ed i supporti costituenti la muratura; incrementi di rigidezza modesta; maggior durabilità nel tempo; minor invasività e maggior reversibilità.

Il sistema ad alto spessore è riferito ad uno spessore finale di almeno 30 mm.

Tecnica di esecuzione

  1. Rimozione dell’intonaco esistente e successiva pulizia del supporto murario;

  2. In entrambi i lati della muratura, dopo aver eseguito l’eventuale regolarizzazione del supporto con webertec BTcalceG, procedere con l’applicazione del primo strato del prodotto webertec BTcalceG, per uno spessore circa di 12-15 mm (Foto A);

  3. Sul prodotto ancora fresco, posizionare la rete webertec rete280 assicurandosi che sia completamente planare ed impregnata ed evitando la formazione di eventuali vuoti. Si consiglia di sovrapporre i lembi della rete di almeno 30 cm (Foto B);

  4. Inserimento dei connettori costituiti da barre in acciaio inox elicoidali webertec elicafixA10, provvedendo preliminarmente alla realizzazione di prefori, mediante trapano a rotazione con una punta avente diametro 8-9 mm. Con l’apposito mandrino spingibarre webertec mandrino montato sul tassellatore, provvedere a spingere mediante sola percussione i connettori all’interno dei prefori prima realizzati, avendo cura di lasciare fuori dalla muratura circa 10-15 cm di barra per lato. I connettori saranno posizionati sfalsati con un passo massimo di circa 60 cm (n.6/mq) e comunque secondo le indicazioni del progettista (Foto C);

  5. Inserire per ogni barra appositi fazzoletti quadrati ricavati dalla rete utilizzata per l’intervento (dimensioni circa 10x10 cm) e procedere alla piegatura delle barre, mediante idonea piegaferri, fino a portare le stesse in posizione di perfetta adiacenza con la rete (Foto D);

  6. Terminare l’intervento con l’applicazione del secondo strato del prodotto webertec BTcalceG avendo cura di ricoprire perfettamente il connettore per assicurare la perfetta aderenza al primo strato. Lo spessore totale dell’intervento sarà di circa 25-30 mm e la rete dovrà risultare nella metà dello spessore totale del rinforzo.

Note e avvertenze

L’intervento può essere realizzato anche con le reti webertec rete430 e webertec rete550 secondo le indicazioni del progettista e le esigenze di progetto. Nel caso lo spessore del muro non consentisse la posa dei connettori passanti, prevedere la loro applicazione inclinando gli stessi di circa 45° rispetto all’orizzontale fino ad arrivare a 2/3 dello spessore del muro e comunque secondo le indicazioni del progettista. Nel caso in cui l’intervento venga realizzato da un solo lato, la profondità dei connettori dovrà essere valutata dal progettista. Prima dell’intervento, in caso di pareti danneggiate, occorre procedere al ripristino di eventuali rotture presenti con interventi di “scuci e cuci” al fine di ripristinare la continuità strutturale dell’elemento. In caso di murature caotiche è consigliabile un intervento propedeutico con iniezioni di miscele leganti.