Come eseguire un isolamento con un intonaco termico

L’intonaco termoisolante rappresenta una efficace soluzione specie nel caso condizioni tecniche, estetiche o economiche limitanti. È ideale inoltre come soluzione in interno quando non è possibile intervenire sulla parte esterna dell’edificio. Data la sua leggerezza non implica carichi in parete e questo lo rende particolarmente utile su supporti irregolari. La possibilità di ricevere diversi tipi di finiture sia in interno che in esterno rende l’intonaco termoisolante una soluzione versatile, facile ed economica.

Tecnica di esecuzione

  1. I supporti devono essere piani, stabili, resistenti, puliti ed asciutti.

  2. Realizzare delle fasce con il prodotto stesso e/o regoli di legno o metallo, per delimitare le superfici di applicazione e per determinarne lo spessore.

  3. Applicare webertherm x-light 042 in più mani, applicando la successiva quando la precedente ha iniziato la presa. Per un massimo di 8 cm di spessore totali (Foto A).

  4. Staggiare senza comprimere fino ad ottenere una superficie piana, stabile ed omogenea (Foto B).

  5. A maturazione compiuta procedere con rasatura armata cementizia, webercem RK355 o webercem RP370, con un adesivo rasante della gamma webertherm AP60 o con webertherm AP60 calce per ottenere una superficie naturale e traspirante (Foto C).

  6. Ad avvenuta stagionatura della rasatura armata (almeno 1 settimana), finire con rivestimenti colorati a spessore o pitture delle gamme webercote (Foto D).

Note e avvertenze

  • In caso di rischio di fessurazione, o per la realizzazione di grandi spessori, è possibile armare webertherm Xlight 042 con rete porta-intonaco

  • Su superfici poco assorbenti o lisce (come il calcestruzzo) applicare webermix rinzaffo al fine di migliorare l’adesione

  • Se il supporto presenta irregolarità significative o dislivelli superiori a 1 cm ogni 2 metri, regolarizzare preventivamente con lo stesso prodotto